Crea sito

Acque di Luce

Acque di Luce degli Arcangeli dell'Albero della Vita

Acque di Luce


Le Acque di Luce, caricate con la Luce/Amore degli undici Arcangeli reggenti le Sephiroth dell’Albero della Vita. Contengono le frequenze armoniche dei cieli divini, contengono “Puro Amore Celestiale”.

La descrizione delle loro qualità, e della loro azione evolutiva nell’uomo, non può che essere limitata e incompleta rispetto a ciò che realmente sono in grado di risvegliare.

Ciò che le accomuna
è la potente azione di risveglio delle qualità divine d’amore,
seminate da Dio nel cuore dell’uomo.

Dio è già presente nel cuore di ognuno e ci nutre in ogni istante, affinché la coscienza si possa risvegliare a questa realtà, e affinché l’uomo comprenda che non esiste alcuna separazione tra ciò che è in basso con ciò che è in alto.
Non è l’uomo e la sua personalità a condurre il viaggio del risveglio, ï¿­come durante il viaggioï¿­ ognuno crede, ma è Dio a “informare” l’anima. Solo l’amore trasforma, e nell’amore tutti gli uomini sono immersi. Il cuore può percepire questo mare di Luce, dentro e fuori di sé, quanto più si apre e quanto più ama. L’amore c’è già e gli Angeli invocati elargiscono questa manna divina in abbondanza.
Le Acque di Luce degli Arcangeli risvegliano il cuore spirituale o nucleo profondo dell’amore divino e muovono, armonizzandola, l’energia vitale dei corpi sottili dell’aura, con modi specifici per ogni Arcangelo.
L’energia elargita dagli Angeli, sotto forma di Luce/Amore, è “forza” Divina che conduce l’anima al cospetto della Divina Amata Presenza. Attiva i processi di risveglio dell’energia vitale, apre i chakra e li connette con l’amore universale. Espande e armonizza i corpi sottili e favorisce l’incontro d’amore tra le energie yin e yang in se stessi. Durante il viaggio del risveglio, quando la persona si libera dai vincoli dell’amore condizionato, il Sé Superiore o Sé divino prende il sopravvento sull’ego e sulla personalità. L’intero processo permette la liberazione dell’anima e la sua incarnazione .
Ogni frequenza angelica muove l’energia vitale attraverso modalità particolari e queste possono essere riconosciute attraverso la percezione sottile.

Come si usano le Acque diLuce

Come si usano le Acque di Luce


Per meditare
La meditazione costituisce l’uso d’elezione delle Acque di Luce. È sufficiente tenere in mano una boccetta per pochi minuti per essere inondati da vibrazioni armonizzanti. Quando si sposta il centro di attenzione, e si medita scendendo nel cuore, le frequenze contenute nelle boccette aiutano il cuore spirituale a connettersi non nuovi fili di luce e amore alla Sorgente. Si stabilisce così un contatto speciale, dove nuovo amore, Amore Divino, dal nulla, nasce nel cuore. Tutto l’essere riconosce, tangibilmente, che cosa significa essere amati da Dio.
Per un contatto più profondo è consigliabile rimanere seduti, nella posizione del loto, tenendo la boccetta tra le mani, per almeno venti minuti. Le meditazioni con le boccette contenenti Acque di Luce sono molto rigeneranti e l’armonizzazione del campo aurico è, a dir poco, straordinaria. Sono state eseguite foto Kirlian a contatto sull’aura delle mani di meditatori, prima e dopo una breve meditazione con Acque di Luce e l’armonizzazione e l’espansione del campo aurico è risultata eccellente.

Per preparare diluizioni di essenze floreali.
Le Acque di Luce possono essere usate per preparare le diluizioni di tutte le Essenze floreali (Fiori di Bach e altre essenze), rimedi omeopatici, ecc.
Si possono aggiungere a tutti i rimedi naturali in soluzione acquosa. Si possono bere durante i pasti aggiungendo alcune gocce nell’acqua.
Le frequenze angeliche possono essere canalizzate anche in olio (oli essenziali e oli da massaggio.).

Come meditare

È importante che la schiena sia diritta, specialmente nella zona lombare; in questo modo si facilita lo scorrimento dell’energia dall’alto verso il basso: la mente si decongestiona, il corpo si rilassa, l’aura si armonizza e si espande.
Le spalle devono essere ala stessa altezza e rilassate, il mento leggermente inclinato verso il basso, la punta della lingua appoggiata sul palato per aiutare e per aiutare la salivazione e connettere la circolazione anteriore dell’energia vitale con quella posteriore -Piccola Circolazione Celeste-  (La Piccola Circolazione Celeste è formata dall'unione dei due meridiani principali del corpo: RE MAI vaso concezione e DU MAI vaso governatore). Le mani sul grembo, all’altezza dell’ombelico, meglio se la destra sulla sinistra con i pollici che si toccano: questa posizione sviluppa, dalla profondità del cuore e dal centro Hara (ventre), l’accensione interiore. Durante una normale meditazione, anche se questo non è sempre facile da riconoscere, il fuoco interiore accende nel cuore la Sostanza Bianca di Dio Madre/Padre, il Suo Amore.
Quando si accende la Sostanza Bianca di Dio, si può sentire sorgere nuovo amore dal cuore, e si può avvertire una piacevole sensazione di tepore. I sensitivi possono vedere un’esplosione di luce bianca.
Durante la meditazione è importante generare uno stato di neutralità dentro di sé, “legando” la mente alla respirazione. La mente diventa tranquilla e le tensioni emotive e fisiche si sciolgono.
Le Acque di Luce, tenute in mano durante la meditazione, risvegliano, in pochi secondi, nel centro del cuore spirituale, una notevole quantità di Sostanza Bianca di Dio Madre/Padre che armonizza, cura e illumina tutti i livelli dell’aura e tutte le cellule del corpo.
Le acque di Luce potenziano gli effetti benefici di tutte le pratiche di meditazione. Alcune frequenze angeliche, come per esempio quelle di Michel, Raphael, Gabriel e Uriel producono, nell’aura, reazioni particolarmente chiare, costanti e riconoscibili.

Acqua di Luce di Michael
L’Arcangelo Michael è il protettore del Nord. Porta dentro ciò che è fuori. Durante la meditazione con una boccetta caricata avviene una contrazione dell’energia dell’aura verso l’interno.

Acqua di Luce di Raphael
L’Arcangelo Raphael è il protettore dell’Ovest. Porta fuori la luce che c’è dentro. Durante la meditazione con una boccetta caricata, avviene un’espansione dell’aura in tutte le direzioni.

Acqua di Luce di Gabriel
L’Arcangelo Gabriel è il protettore del Sud. Fa scendere ciò che pesa. Durante la meditazione con una boccetta caricata avviene uno scaricamento, verso il basso, delle energie dell’aura, con guarigione del mondo emotivo.

Acqua di Luce di Uriel
L’Arcangelo Uriel è il protettore dell’Est. Fa salire ciò che è leggero. Durante la meditazione con una boccetta caricata, avviene un innalzamento delle frequenze dell’aura (a volte si percepisce un leggero senso di elevazione interiore).

Le Acque di Luce potenziano qualsiasi tipo di terapia psicofisica in cui la persona è in grado di tenere una delle boccette in mano per tutto il tempo del trattamento (Reiki, terapie vibrazionali, ecc.). Anche il terapeuta può raccogliersi in meditazione per qualche minuto con un’Acqua di Luce, prima della sessione. Nelle terapie sul campo aurico e nelle sedute di shiatsu, in particolare, si realizza, tra l’operatore e il paziente, un processo di armonizzazione e di connessione spirituale di grande intensità.

Durante un contatto con il mondo divino è stato rivelato un collegamento tra gli Arcangeli dell’Albero della Vita e i Fiori di Bach. Entrambi sostengono il viaggio del risveglio dell’anima.

Oli degli Angeli:

Tutte le frequenze angeliche possono essere canalizzate in olio da massaggio.

Gli oli canalizzati possono essere usati quotidianamente: nel viso, nel collo, nel petto, nelle mani e in tutte le parti del corpo dove di sente tensione o dolore.


 

 

PICCOLA CIRCOLAZIONE CELESTE

La Piccola Circolazione Celeste è formata dall'unione dei due meridiani principali RE MAI, vaso concezione, e DU MAI, vaso governatore.

RE MAI è collegato all'energia della terra che sale verso il sole e DU MAI è collegato all'energia che dal sole scende verso la terra.

Effetti delle Acque di Luce

Effetti delle Acque di Luce usate per meditare

 

 

-Durante la meditazione con le acque di luce (meditazione eseguita con una consapevole centratura al cuore) la coscienza e l’aura si dispongono in modo tale da ricevere cura dal cielo.

-La permeabilità dei chakra e dell’aura cambiano. I chakra si aprono e iniziano a girare in modo regolare  in senso orario.

-Scompare la volontà personale che tenta di risolvere e si lascia che sia il cielo a guarire.

-La coscienza e l’aura si aprono per ricevere le frequenze di luce/amore dal regno angelico e dalla Sorgente divina.

-Affidandosi totalmente aumenta in modo rilevante la radianza yin nelle mani. Aumenta l'energia all'interno dei meridiani.